CONGELARE GLI OVOCITI DA GIOVANI PER AVERE UN FIGLIO DOPO LA FINE DELLA CARRIERA LAVORATIVA: UNA OPPORTUNITA’ AFFASCINANTE O….. UN’ ALTERNATIVA DIABOLICA?

La crioconservazione degli ovociti: cosa è e a che cosa serve, che rischi ha?
Recentemente le società Apple e Facebook si sono offerte di pagare il costo della crioconservazione (congelamento) degli ovociti come benefit per le loro dipendenti donne.

La comunicazione delle due compagnie è arrivata nel 2013 contemporaneamente all’annuncio, da parte della American Society of Reproductive Medicine (ASRM) e della Society for Assisted Reproductive Technology (SART), che la tecnica di crioconservazione degli ovociti non è più considerata sperimentale.

Questa offerta è ritenuta, da alcuni esperti del settore, una grande opportunità per la donna di scegliere quando avere un figlio. Secondo alcuni studiosi la crioconservazione degli ovociti è una sorta di “investimento riproduttivo” che può essere riscosso più tardi nella vita, se necessario, e che toglie alla donna la pressione di avere un figlio in tempi stretti per potersi dedicare con più serenità alla carriera. Tale pratica dovrebbe essere effettuata intorno ai 35 anni in donne che non hanno programmato di avere un figlio a breve termine.OROLOGIO BIOLOGICO

Ma la situazione non è così semplice e trasparente e ha sollevato molte controversie etiche.

The American College of Obstetricians and Gynecologists (ACOG) afferma che non ci sono ancora evidenze sufficienti a supportare il congelamento degli ovociti in donne che decidano di posporre la gravidanza per ragioni non mediche.

Il costo di questa procedura è molto alto: 10000 dollari per ogni raccolta di uova congelate, con un addizionale di 500 dollari o più all’anno per la conservazione, e un costo di circa 5000 dollari per ogni tentativo di fertilizzazione in vitro.

Molti studiosi ritengono che, se la crioconservazione degli ovociti può essere una opportunità importante per alcune donne, estendere questa procedura a tutte non è una ragionevole scelta. Il congelamento degli ovociti è una pratica nuova. Molte domande devono ancora avere una risposta. Qual è l’età giusta in cui effettuare la crioconservazione? Quanto a lungo gli ovociti possono essere conservati? Quante donne useranno effettivamente i loro ovociti conservati? Qual è il rapporto rischio/beneficio della procedura per ogni donna ad ogni età? Noi non conosciamo il rischio a lungo termine per la salute dei figli nati con questo metodo. Ci sono inoltre maggiori rischi ad intraprendere una gravidanza in età più avanzata, quali diabete gestazionale e ipertensione.

Questa tecnica è molto costosa, consuma tempo e grandi risorse, per la donna è stressante sia fisicamente che emozionalmente.RISCHI CRIOCONSERVAZIONE OVOCITI Perchè giustificarne l’utilizzo su vasta scala? In realtà c’è il forte sospetto che queste compagnie offrano la crioconservazione degli ovociti perchè vogliono che le loro dipendenti non vengano distratte dalla carriera a causa dell’arrivo di un figlio. Congelare le tue uova è un modo efficace per gestire la tua carriera e la tua maternità.

Al contrario, le donne oggi andrebbero educate al concetto che la fertilità è una condizione che ha un termine, inizia a diminuire dopo i 35 anni, e, se è possibile, è meglio provare ad avere un figlio prima, piuttosto che dopo.

E TU CHE COSA NE PENSI?

 

TI POTREBBERO ANCHE INTERESSARE:

FINO A CHE ETA’ POSSO AVERE UN BAMBINO?

TUTTO QUELLO CHE BISOGNA SAPERE SU L’HPV

INDICE

Scritto da:
Dottoressa Cinzia Pajoncini

  • Hai trovato utile questo articolo?
  •    No