NOTIZIA FLASH:IL NEONATO AUTISTICO PERCEPISCE PIU’ DETTAGLI IN CIO’ CHE OSSERVA!

Chiama lo Studio Medico della Dott.ssa Pajoncini Tel: 06.80.70.894

autismo nei bambiniGli autistici sono spesso descritti come persone che "percepiscono il mondo in modo diverso”. Infatti tendono ad avere una aumentata percezione dei dettagli di ciò che osservano.

Un esempio sono le rappresentazioni molto accurate di paesaggi urbani disegnate a memoria dall’artista autistico Stephen Wiltshire.

In uno studio pubblicato sulla rivista di Cell Press Current Biology a giugno 2015, i ricercatori del Centre for Brain and Cognitive Development di Birkbeck, University of London, hanno dimostrato che queste differenze nelle capacità percettive sono presenti in una fase molto precoce dell’infanzia, prima della comparsa dei tipici sintomi clinici di autismo. I ricercatori sostengono che i cambiamenti nella percezione del bambino sono una caratteristica fondamentale del disturbo. La maggior parte degli studi precedenti si sono invece focalizzati sulle difficoltà di linguaggio e di interazione sociale. 

I ricercatori hanno effettuato questa scoperta studiando bambini ad alto rischio di autismo in base alla diagnosi dello stesso disturbo ad un fratello maggiore. Circa il 20% dei fratelli più piccoli riceve la stessa diagnosi di autismo e un altro 30% mostra sintomi di elevati livelli del disturbo.

Per testare le capacità percettive dei neonati i ricercatori hanno usato un oculometro, per registrare dove si dirigevano gli sguardi dei piccoli mentre venivano presentate loro delle lettere proiettate su uno schermo.

Lo studio ha mostrato che i neonati che a 9 mesi di età avevano un potenziamento della capacità di ricerca visiva avevano più sintomi emergenti di autismo a 15 mesi e a 2 anni.

Ora i ricercatori vorrebbero indagare cos’è esattamente che rende i bambini autistici migliori nelle ricerche visive. Infine, vorrebbero studiare i legami tra percezione o attenzione aumentata e difficoltà nell’interazione sociale, nell’apprendimento e nella comunicazione.

Scritto da:
Dottoressa Cinzia Pajoncini

  • Hai trovato utile questo articolo?
  •    No