VULVODINIA

VULVODINIA: tra psicoterapia e occasione di rinascita

Chiama lo Studio Medico della Dott.ssa Pajoncini Tel: 06.80.70.894

Chi è la donna che soffre di Vulvodinia: un profilo...

La paura di provare dolore, la paura di bloccarsi durante l'atto sessuale, la vergogna di sentirsi sbagliate e "non funzionanti". Queste sono tra le più comuni emozioni che le donne con vulvodinia sperimentano, unitamente ad un profondo senso di sconforto e smarrimento dovuto alle molteplici e diverse diagnosi avute nel tempo a causa dei loro sintomi.

Di frequente sono "congelate" dal timore di non ritrovare la propria femminilità e la propria vita sessuale e difficilmente sanno a cosa ricondurre la comparsa dei sintomi. Spesso sono "sopravvissute" a eventi dolorosi e spaventosi, oppure portano con loro vissuti di ansia e panico a cui fa da eco un atteggiamento di ipercontrollo costante del quotidiano, di cui non percepiscono gli effetti negativi nella loro vita.

La valutazione

In un primo momento è necessario rispondere a queste domande: a cosa sono sopravvissute? da cosa fuggono oggi? di chi o di cosa portano il peso?

Frequentemente sono infatti donne iperesponsabilizzate, adultizzate sin da piccole, che hanno dovuto inibire le proprie emozioni per potersi adattare ad un contesto di vita difficile.

Ci sono stati eventi che hanno messo in pericolo la loro incolumità fisica? Aborti, violenze, parti difficili? Come hanno reagito? Cosa è successo intorno a loro?

Sono maestre di straordinaria forza, eppure spesso ne pagano un caro prezzo sviluppando in contemporanea patologie come endometriosi, fibromialgia o malattie autoimmuni: portate a sacrificarsi per l'altro, ad allontanarsi da sé stesse e dai loro bisogni emotivi che spesso fanno difficoltà a conoscere e riconoscere. Queste modalità le hanno apprese come modello familiare o la loro è stata una risposta condizionata dall'ambiente?

La Vulvodinia come segnale

Cambia così la visione della vulvodinia: da nube nera che avvolge la vita della donna, a campanello di allarme per equilibri e dinamiche che vanno visti e ripristinati nelle varie aree di vita.
Non basta quindi curare il sintomo: é importante capire perché quel sintomo e perché proprio ora. Solo così sarà possibile coglierne il vero messaggio di aiuto in termini di crescita personale e tutto il potere di rinascita che porta con sé.

Cosa è possibile fare?

Nel percorso diagnostico della donna con sintomi da vulvodinia, oltre alla valutazione dell'impatto dei sintomi sul quotidiano, è necessario raccogliere la storia di vita e indagare sulla presenza dei traumi T (ovvero traumi riguardanti la minaccia della propria incolumità).

Spesso lo scoglio più grande è la paura di provare nuovamente dolore, sia fisico che psicologico: a tale scopo le tecniche COGNITIVO COMPORTAMENTALI, unitamente alle tecniche di RILASSAMENTO E MINDFULLNESS, permettono una migliore gestione del sintomo attraverso la regolazione della tensione muscolare. Questo primo intervento permette alla donna di tornare a sentirsi efficace e non in balia dell’imprevedibile. 

In caso di traumi T, la tecnica EMDR permette di lavorare sulla risposta post traumatica fino a completa elaborazione dell'accaduto.

Qualora siano presenti eventi stressanti che perdurano, a cui è necessario far fronte (cambio di lavoro, nuovo stile di vita, nuova relazione su cui si sta investendo molto emotivamente o fine di una relazione disfunzionale), le strategie utilizzate prevedono una miglior gestione dello stress e delle risposte emotive, sviluppando nuove modalità di decompressione emotiva e incentivazione delle risorse personali. Si interviene prima sul riconoscimento dei bisogni emotivi e sul loro soddisfacimento (limiti sani, esplorazione, rispecchiamento emotivo in primis), per passare poi allo sviluppo delle abilità assertive che permettono di avere rapporti equilibrati, ruoli e responsabilità definite all'interno delle relazioni. Riconoscere i propri bisogni, dar loro un nome e validarli, collegarli alle proprie emozioni, significa iniziare a sentire nel profondo e stabilire limiti sani per la propria identità.

Nell' eventualità di dinamiche di coppia non funzionali, si adottano interventi mirati ad una comunicazione efficace al ripristino di una intimità e complicità di coppia.

Una luce in fondo al tunnel

Se ti sei riconosciuta nel profilo, se hai provato quelle sensazioni, se una parte di te sente un carico emotivo eccessivo da tempo ma ha comunque cercato di tenere duro, forse è arrivato il momento di fermarti. Il tuo corpo e la tua vita ti stanno chiedendo uno stop e lo stanno facendo nel solo modo che gli consente di essere ascoltati: colpire proprio lì dove la vita ha inizio

Dottoressa Anna Chiara Venturini
Psicologa Psicoterapeuta Cognitivo-Comportamentale
Formazione in Schema Therapy
Terapeuta EMDR

www.psicotime.it

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

L'INCUBO DELLA CISTITE CRONICAhttps://lamiaginecologa.com/lincubo-della-cistite-batterica-cronica/

LA VULVODINIA: UN INSOPPORTABILE DOLORE INTIMO https://lamiaginecologa.com/la-vulvodinia-un-insopportabile-dolore-intimo-femminile/

VULVODINIA: LE DIMENSIONI DEL PROBLEMA https://lamiaginecologa.com/vulvodinia-le-dimensioni-del-problema/

INTERNATIONAL SOCIETY FOR STUDY OF VULVOVAGINAL DESEASE https://www.issvd.org/

NATIONAL VULVODYNIA ASSOTIATION https://www.nva.org/

  • Hai trovato utile questo articolo?
  •    No