LA DONNA E IL SUO SILENZIO

Chiama lo Studio Medico della Dott.ssa Pajoncini Tel: 06.80.70.894

 

Consigli per le donne sulla separazione consensuale e giudiziale dei coniugi.

Avv. Cristiana Palumbo

Sono tanti i motivi che inducono una coppia a separarsi, sia in maniera consensuale che giudiziale.

Tra i motivi più ricorrenti che lamentano i coniugi che intendono separarsi c’è la mancanza tra loro di un’intesa sessuale.

Purtroppo, accade che i coniugi trascurino il fatto che tutto possa trarre origine da un problema personale del quale sono inconsapevoli, come l’anorgasmia (incapacità a raggiungere l’orgasmo) o dolori durante il rapporto, e fraintendono tale doglianza in una non “corrispondenza di amorosi sensi”.

Molto spesso la prima a capirlo è la donna,

ma interviene quando la coppia è ormai irrimediabilmente minata o persino già divisa, e si affligge per il suo silenzio e per non aver esternato al compagno di non avere mai provato quelle pulsioni naturali e reazioni appaganti nel rapporto sessuale.

Tale silenzio può anche trarre origine dal pudore di affrontare ancora oggi questo argomento o dalla paura di perdere il legame affettivo con il marito, ma il più delle volte la donna non tende a credere che il problema possa annidarsi in una patologia all’apparato genitale di cui lei è inconsapevole. Tutto ciò la porterà a limitare, o peggio ad evitare i contatti intimi con il coniuge per non provare disagio personale, ingenerando in questi la percezione di non essere desiderato per mancanza di attrazione fisica nei suoi riguardi.

Giunti al punto di non avere più rapporti sessuali, il marito non si sentirà “uomo” all’interno della coppia. La sua frustrazione aumenterà per il desiderio inappagato di attenzioni e di più rapporti intimi, spesso non assecondato dalla moglie in richieste e desideri per lei imbarazzanti. E, se non soddisfatto, cercherà altrove ciò che non può avere in casa e nel suo matrimonio.

E’ in quell’occasione che il compagno commette più spesso adulterio, pensando di essere una vittima, laddove le vittime sono entrambi i coniugi. 

L’uomo che per natura preferisce l’azione al dialogo, cercherà e troverà un’altra consolazione esaudente, avvalendosi della “freddezza” della moglie come causa del fallimento del matrimonio,

sostenendo a sua discolpa che non si adempiva ai doveri coniugali perché l’affectio maritalis era ormai da tempo svanita e tutto ciò solo per giustificare un suo tradimento; quando in realtà bastava che l’uomo fosse più attento all’indole muliebre, per cogliere il frutto del disagio e aiutare la donna a sanarlo.

In tal modo, la donna rischia di subire una separazione giudiziale con addebito, in aggiunta all’adulterio sofferto, inconsapevole del fatto che forse i problemi di coppia traggono origine proprio dal compagno o da patologie latenti di carattere sessuale che non sapevano di avere.

Atteso che ad oggi è difficile trovare nei coniugi la volontà di recuperare un matrimonio per farlo risorgere, per tutelare la donna è necessario che si comprenda l’origine clinica o psichica di tale ritrosia sessuale, per difendersi dall’accusa di essere colpevole dell’unione infranta ed anzi ritorcere sul compagno l’addebito per non averla assistita nel ricercare e curare eventuali patologie.

Intervenire per tempo potrà salvare la coppia ed evitare una divisione; diversamente sarà comunque un aiuto ad affrontare una separazione con maggiore consapevolezza.

Il procedimento per separazione può essere proposto in due modi: in via consensuale ed in via giudiziale.

Il processo per separazione consensuale è proposto da entrambi i coniugi che chiedono l’omologazione di un accordo tra loro perfezionato, contenente le condizioni da loro stessi dettate ed approvate ed il procedimento si celebra e conclude in un’unica udienza.

Al contrario, quando non vi è un accordo, viene proposto il procedimento per via giudiziale da uno solo dei coniugi chiedendo anche “l’addebito”, vale a dire l’imputazione all’altro consorte della colpa del tracollo del matrimonio. Se è il marito che richiede una separazione giudiziale, il rischio è che la moglie, che in genere ha un reddito più debole, non si veda riconoscere l’assegno di mantenimento e possa subire un successivo processo in sede civile per il risarcimento danni. 

Ovviamente questo procedimento è caratterizzato dalla conflittualità anche estrema tra i coniugi, ed è strutturato in un vero processo con documenti da produrre e testimoni da ascoltare a prova e a discolpa delle parti.

E’ per la natura di tale processo che è fondamentale ricorrere ad un’assistenza completa per la donna, composta da documentazione medica, psicologica e legale, per consentirle una difesa tale da contrastare le richieste avversarie e veicolare tutti gli elementi a sua difesa, per ottenere un rigetto della domanda giudiziale proposta dal marito, oppure per una conversione del giudizio in separazione consensuale, raggiungendo un accordo pro bono pacis a vantaggio di tutti.

Le motivazioni che inducono una coppia a separarsi sono molteplici, ma l’elemento comune che equipara tutti i procedimenti di questo tipo è il trauma che entrambi i coniugi, seppur in maniera differente, provano per questo radicale cambiamento di vita che va aldilà del processo, perché ferisce l’animo umano e li trasforma in persone diverse da com’erano quando si sentivano legati, forse anche protetti, dal legame matrimoniale.

È lì che la donna deve essere più forte a combattere, usando le sue “armi” oltre che per difendersi, anche per aiutare il proprio legale a trovare per lei la più giusta e serena soluzione del caso, più confacente alla sua indole, in ossequio a tutte le sue esigenze, oltre che per riscattare eventuali offese morali da lei subite …. anche in silenzio. 

                                                   Avv. Cristiana Palumbo 

   Avvocato matrimonialista 

 avv.cristiana.palumbo@gmail.com 

 

 

  • Hai trovato utile questo articolo?
  •    No