CANCRO OVARICO IN AUMENTO DOPO LA MENOPAUSA

Chiama lo Studio Medico della Dott.ssa Pajoncini Tel: 06.80.70.894

Spessdonne in menopausao le donne che hanno superato la menopausa mi dicono: “ormai, a questa età…..ho un minore rischio di ammalarmi di tumore, per cui non è così importante per me fare la prevenzione ginecologica….”

 

NULLA DI PIU’ FALSO!

 


cancro ovaricoIl rischio di cancro ovarico aumenta con l’avanzare degli anni (anche se può comparire a qualsiasi età) e generalmente questo tumore si presenta dopo la menopausa: 8 donne su 10, affette da cancro dell’ovaio, hanno più di 50 anni d’età, e l’incidenza maggiore del tumore è a 70 anni!

Il cancro ovarico è il secondo tumore ginecologico dopo il cancro dell’utero, e una donna su 70 è destinata ad ammalarsi di questa malattia. La sopravvivenza è bassa: se facciamo un paragone, a cinque anni dalla diagnosi di tumore della mammella è vivo il 92 % delle donne affette, ma a cinque anni dalla diagnosi di cancro dell'ovaio solo il 39 % delle donne sopravvive.

Dagli anni ’80, fortunatamente, l’incidenza del cancro dell’ovaio è in diminuzione, e nell’ultimo decennio, negli Stati Uniti e nell’Europa occidentale, si stima una riduzione di questa malattia di circa il 2% annuo.

 

QUALI SONO LE CAUSE DEL CANCRO OVARICO?

La causa precisa è ancora sconosciuta, ma esistono alcuni fattori che aumentano il rischio di questa malattia e alcuni che lo diminuiscono.familiarità tumore ovarico

Fattori che aumentano il rischio

  • L’età
  • La storia familiare di cancro ovarico. Se hai due o più familiari (madre, sorella o figlia) che hanno avuto un cancro della mammella o dell’ovaio.
  • Se hai un'alterazione genetica ereditaria. Se i familiari ammalati hanno meno di 50 anni è possibile che il cancro ovarico sia legato a un’alterazione genetica ereditaria. I geni BRCA 1 e BRCA2 sono infatti corrbrca1 brca2 e cancro ovaricoelati alla comparsa di cancro ovarico e mammario. Ma solo il 10% di tutti i cancri ovarici sono causati da queste alterazioni genetiche ereditarie.
  • L’ovulazione e la fertilità. Con l’ovulazione, ogni mese, quando un ovocita matura, la superficie dell’ovaio si rompe per consentire la fuoriuscita e l'espulsione dell’uovo nella tuba. Durante questo processo la superficie dell’ovaio viene danneggiata e ogni volta deve andare incontro a processi riparativi. E proprio questo meccanismo ripartivo che si ripete mensilmente che può causare un maggiore rischio di alterazioni genetiche cellulari oncogene. Questa teoria spiegherebbe perchè il rischio di cancro ovarico diminuisca se la donna prende la pillola anticoncezionale (che blocca l’ovulazione) o se ha più gravidanze (e quindi meno cicli ovulatori) o lunghi periodi di allattamento (che sopprimono l’ovulazione).
  • Le terapie per l'infertilità. Non c’è una prova sicura che le cure per l’infertilità aumentino il rischio di tumore ovarico anche se è di comune convinzione, a causa dell'effetto stimolante sull'ovulazione, che possa aumentare il rischio. In ogni caso si pensa che l’infertilità, di per se, possa incrementare il rischio di questo cancro.
  • La terapia ormonale sostitutiva. La terapia ormonale in menopausa provoca un aumento del cancro dell’ovaio. Però, cinque anni dopo la fine della terapia sostitutiva, il rischio si azzera e torna all’incidenza che hanno le donne che non l’assumono.
  • L’endometriosi
  • L’obesita’

Fattori che diminuiscono il rischiopillola e cancro ovarico

  • La pillola anticoncezionale e il blocco dell’ovulazione. Qualsiasi situazione che blocchi il processo ovulatorio aiuta a diminuire il rischio di cancro ovarico.
    • Gravidanza e allattamento
    • Uso degli anticoncezionali ormonali
    • L’asportazione delle ovaie (e delle tube)
  • La dieta e lo stile di vita. Avere una alimentazione sana e bilanciata, a basso tenore di grassi, associata a esercizio fisico regolare, diminuisce il rischio di cancro dell’ovaio.

 

CHE SINTOMI PUÒ DARE IL CANCRO DELL’OVAIO?

Purtroppo il cancro ovarico ha sintomi scarsi e tardivi, per cui spesso viene scoperto tardi e la prognosi è severa. I sintomi del cancro ovarico sono molto aspecifici e somigliano a quelli di altre patologie benigne. Inoltre, diventano evidenti quando il tumore è già uscito dall’ovaio e ha invaso le strutture adiacenti. Comunque i primi sintomi che possono comparire sono: dolore e gonfiore persistenti dell’addome, dolore allo stomaco, nausea.

 c

ALLORA CHE FARE?

Facciamo l’ecografia transvaginale tutti gli anni! Soprattutto in menopausa!!

L’ecografia transvaginale è l'esame che per primo puecografia-transvaginaleò evidenziare un’alterazione a carico delle ovaie, prima che compaiano i sintomi. In caso di dubbio aggiungiamo il marker tumorale CA125.

Questi due test utilizzati insieme sono il miglior screening iniziale del cancro ovarico (anche se non esiste un metodo diagnostico perfetto!).

Ricordate sempre che il pap test non è di aiuto nella diagnosi di cancro ovarico!

TI PUO' INTERESSARE ANCHE:

SAI SCEGLIERE IL CONTRACCETTIVO GIUSTO PER TE?

CONOSCERE IL CANCRO DELLA MAMMELLA….PER COMBATTERLO SUBITO!

HOME

SAI SCEGLIERE IL CONTRACCETTIVO GIUSTO PER TE?

Chiama lo Studio Medico della Dott.ssa Pajoncini Tel: 06.80.70.894


Come scegiere il contraccettivo giustoScegliere un sistema contraccettivo non è una vaga opportunità a cui pensare distrattamente fra un impegno di lavoro e una happy hour, oppure fra un compito in classe e un concerto metal!

Ogni donna, a qualsiasi età, dovrebbe decidere di controllare in modo affidabile la sua capacità riproduttiva, perché i figli si fanno al momento giusto e con le persone giuste. E una gravidanza non deve capitare per caso.capacità riproduttiva

Quindi durante la visita ginecologica io chiedo sempre alle mie pazienti che sistema contraccettivo usano o intendono usare.


Per prima cosa chiariamo un punto importante: fra i metodi contraccettivi veri non è compreso il coito interrotto! 

Questa pratica, a dir poco inaffidabile e stressante, è assolutamente insicura nel suo effetto anticoncezionale.  E’ infatti all’origine di un grande numero di gravidanze “indesiderate”. Voi credete che le persone che non vogliono una gravidanza abbiano, sconsideratamente, rapporti liberi al momento dell’ovulazione? No! Nessuno è così pazzo, generalmente (salvo pochi casi). In molti invece credono di fare una cosa corretta usando il coito interrotto. E,  guardando con orrore il loro test di gravidanza positivo, si chiedono: -non è possibile, come è successo? Siamo stati così attenti!- Ecco, attenti. Questo non è un metodo anticoncezionale.

Deciso che dobbiamo assolutamente utilizzare un “vero” sistema contraccettivo, vediamo quali sono i sistemi e in che modo intelligente sceglierli e utilizzarli. Molte volte questa scelta è lasciata un po’ al caso mentre conoscendo bene le caratteristiche dei vari metodi riusciamo ad adattarli alle nostre esigenze di vita e di età.contraccettivi_anticoncezionali

Da un punto di vista didattico potremmo dividere i metodi in:

  • ormonali (varie combinazioni di ormoni assunti per bocca, attraverso la pelle o per via vaginale)
  • meccanici (profilattico, spirale intrauterina),
  • meccanici/ormonali (la spirale intrauterina al progesterone)
  • i metodi cosiddetti naturali

Ma questa divisione non ci dice molto sul perché o sul quando usare l’uno o l’altro ……

Per cui io affronterò il problema da un altro punto di vista: CHE CONTRACCETTIVO È MEGLIO USARE A 18 ANNI? E A 35 ANNI? A 42 ANNI POI? Perche ogni anticoncezionale ha le proprie peculiarità e vantaggi. E non tutti hanno la stessa
sicurezza.....!!

CHE COSA SEcontraccettivo a 18 anniRVE A UNA RAGAZZA DI 18 ANNI?

Serve un anticoncezionale che le dia la massima sicurezza: che le dia una protezione continua, perché i giovani sono sessualmente molto vivaci e hanno rapporti frequenti e ripetuti; che sia facile da usare in tutte le situazioni, tenuto conto che “l’alcova” spesso non è il letto!

SERVE UN CONTRACCETTIVO ORMONALE!  Che può essere assunto per bocca come la pillola, o inserito in vagina come l' anello vaginale, o messo sulla pelle come il cerotto. Se preso correttamente la protezione contraccettiva è altissima  (indice di Pearl 0.9-1).

Fra i vari tipi di pillola consiglio quella da 28 giorni che si prende in modo continuativo, che aiuta a non fare confusione dimenticandola nella pausa fra una confezione e l’altra, e che complessivamente ha un dosaggio ormonale uguale a quella di 21 giorni.  Per mantenere la sua efficacia va presa con regolarità e per ricordare di prenderla tutte le sere alla stessa ora è comodo utilizzare una sveglia sul cellulare.

Anche lanello vaginale’anello vaginale è un ottimo anticoncezionale ormonale. È un sottile anello di silicone che viene posizionato in vagina alla fine del ciclo e lasciato li per 3 settimane: non si vede, non si sente, ma soprattutto non si può dimenticare di assumerlo, ed è veramente a basso dosaggio. Ricordiamoci però che è riportato dalla casa farmaceutica una minima quantità di espulsioni spontanee, per cui va controllato regolarmente infilando un ditino in vagina mentre ci si lava o prima del rapporto.

Il cerotto ormonale, che si applica sulla pelle una volta a settimana, ha avutcerotto ormonaleo delle critiche da parte dell’FDA (Food and Drug Administration, l’Ente Americano che controlla i farmaci) perché rilascia una quantità di ormoni maggiore della pillola convenzionale e perché dà un rischio di trombosi vascolare leggermente superiore alle altre pillole.

Infine non dimentichiamo il contraccettivo ormonale di emergenza, la cosiddetta pillola del giorno dopo (che ormai si dovrebbe chiamare la pillola dei 5 giorni dopo perché la sua efficacia anticoncezionale dura sino a 5 giorni!), che viene in nostro aiuto in estremis, quando il patatrac è bello e fatto!

MITI DA SFATARE!

A questa età la pillola (quelle a basso dosaggio moderne) non fa venire la cellulite! pillola e cellulitePuò dare un po’ di gonfiore delle mammelle (che a volte è molto desiderato…!). Non provoca infertilità, non aumenta il rischio di tumore, migliora la pelle (riduce i punti neri e di conseguenza diminuisce la comparsa di foruncoli), nella maggior parte dei casi  stabilizza l’umore bloccando i picchi ormonali del ciclo della donna. Riduce il flusso mestruale e diminuisce la dismenorrea (dolore mestruale). Non va però d’accordo con il fumo …. perchè pillola e fumo insieme aumentano il rischio di trombosi vascolari.

E allora,  il preservativo a 18 anni non serve? CERTO CHE SI, E' IMPORTANTISSIMO!preservativo

Non tanto per l’utilizzo anticoncezionale, visto che ha una sicurezza contraccettiva molto più bassa della pillola perché si può rompere o sfilare durante il rapporto (indice di Pearl 5/15), ma in quanto è una formidabile barriera protettiva contro le malattie sessualmente trasmesse, in particolare contro l’HPV che attualmente ha una spaventosa diffusione fra i giovani, legata alla promiscuità sessuale. Per cui è utilissimo usarlo all'inizio di una relazione quando non ci si conosce ancora bene (dall’inizio alla fine del rapporto mi raccomando, non solo nel momento finale!), oppure in qualsiasi rapporto quando si voglia avere una efficace protezione dalle infezioni, perché…..tu puoi anche essere al tuo primo rapporto, ma magari lui ha già incontrato decine di donne, a volte senza usare mai il preservativo!! (A proposito: sapevate che esiste il profilattico femminile?)

 

contraccettivi a 40 anniCHE  COSA SERVE A UNA DONNA DI 30-40 ANNI,

che ha una relazione stabile, che non vuole figli per ora ma, magari se arriva un bebè non è una tragedia e .…magari, scopre pure di essere contenta se succede…?

In questi casi il profilattico ha un’ottima funzione anticoncezionale.

La coppia stabile ha una conoscenza e una padronanza del proprio comportamento sessuale che permette di utilizzare nel modo migliore questo sistema: si conoscono i tempi e le modalità del rapporto, si ha confidenza, si dorme insieme, si hanno progetti insieme….

E se invece la relazione stabile non c'è? .… si continua con un buon contraccettivo ormonale!

E’ considerato di buon senso, comunque, non prendere la pillola per un periodo di anni troppo lungo (oltre i 15-20aa di assunzione) in quanto l’impatto metabolico  della pillola dopo i 30 anni di età non è lo stesso che a 18 anni.

CCCspirale intrauterina

COSA SERVE DAI 40 ANNI IN SU, DOPO AVER FATTO I FIGLI....

(....perché si presuppone che se si devono avere figli questo avvenga prima dei 40 anni .…. altrimenti si rischia di non riuscire a farli!).

Dopo i 40 anni l’uso molto prolungato di contraccettivi ormonali potrebbe "pesare troppo" su gli equilibri metabolici e cardiovascolari che cominciano ad alterarsi con l' età.contraccettivi dopo i 40 anni

La cosa migliore è quindi passare ad un contraccettivo diverso, che non rilasci ormoni, che sia in un certo senso più “pulito”, ugualmente affidabile e comodo. La spirale intrauterina (IUD, Intra Uterine Device) può rispondere a questi requisiti. 

Lo IUD è un piccolo pezzo di plastica con un filamento di argento o di rame, posizionato all’interno dell’utero. Quando le pazienti mi dicono “mi fa impressione l’idea di un corpo estraneo nell’utero” mi viene da sorridere, pensando a quanto in fondo è innocua una spirale, che non rilascia sostanze e non altera gli equilibri ormonali come una pillola, e non interferisce con il rapporto come il profilattico!

Il funzionamento è basato principalmente su due meccanismi: La spirale impedisce che gli spermatozoi riescano a raggiungere e fecondare l'ovulo alterandone i movimenti e riducendo la loro sopravvivenza in utero. La spirale inoltre modifica il rivestimento interno dell’utero (endometrio) rendendolo inadatto alle gravidanze, impedendo che l’ovulo, nel caso venga fecondato, possa impiantarsi e svilupparsi nell'utero. La sua efficacia contraccettiva è alta, di poco inferiore a quella della pillola (Indice di Pearl 0.5-2). A volte però può presentare alcuni svantaggi: in qualche caso con la spirale il flusso aumenta e può comparire spotting (piccolo sanspirale medicata al progesteroneguinamento pre o post mestruale). Se i cicli della donna sono già lunghi e ravvicinati, oppure molto abbondanti, questo diventa un problema. Inoltre è riportato l'1% di espulsioni spontanee dall’utero.

Ma …. il grande potenziamento di questo metodo si è avuto con l'uscita sul mercato di una spirale medicata al progesterone, che oltre ad avere un’azione anticoncezionale simile alle spirali tradizionali, rilascia ininterrottamente nella cavità uterina una piccola dose di progesterone. Questo ormone manda in atrofia l'endometrio e diminuisce di conseguenza in modo drastico la quantità del flusso. Attualmente la spirale al progesterone viene considerata un presidio terapeutico di prima scelta nel trattamento della meno-metrorragia.

nncontraccettivo naturale

UN ULTIMO SGUARDO SUI COSIDDETTI METODI
NATURALI.

In questo articolo ho voluto fare un po’ di chiarezza su quei metodi che hanno un’affidabiltà tale da poter essere consigliati dal ginecologo. Esistono poi altri sistemi, quali il metodo Ogino-Knaus, la temperatura basale e il metodo Billings, che si basano sulla individuazione del periodo fertile. Questi metodi esercitano un certo controllo sulle nascite ma sono estremamente operatore-dipendente (significa che devi saperli usare bene, devi conoscere bene i segnali del tuo corpo e sperare che questi siano costanti e non cambino mai!)  e poco efficaci (Indice di Pearl troppo alto!).

bb

INIZIA DUNQUE A USARE UN BUON CONTRACCETTIVO ADATTO PER TE !

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

PERCHE’ DOBBIAMO TUTTE FARE IL PAP TEST!

FINO A CHE ETA’ POSSO AVERE UN BAMBINO?

HOME